Comune di Ghisalba
Provincia di Bergamo
Orari SUAP
Lunedì
9.00 - 12.00-
Giovedì
9.00 - 12.00-
Pratiche AUA e SCIA PRODUTTIVE: Ufficio ecologia (incarico esterno) 1° e 3° martedì del mese dalle 15 alle 17 (2° piano Municipio)
DA LEGGERE ED ESEGUIRE OBBLIGATORIAMENTE PRIMA DI PRESENTARE UNA PRATICA SUAP
(attenzione per la presentazione usare "presenta istanze" - "istanze commerciali" in alto a sx)

  • Qualora sul sito SUAP non si trovasse in PRESENTA ISTANZE – ISTANZE COMMERCIALI la procedura/modulistica adeguata al caso o si volesse delucidazioni, mandare mail con tutti i dati indispensabili a suapcorrado@comuneghisalba.it e si avrà a breve una risposta.
  • Prima di inviare una pratica, prendere visione di tutte le sottoelencate note, delle procedure standardizzate, dei regolamenti/piani e soprattutto della programmazione commerciale in vigore presso il Comune di Ghisalba (vedi anche riquadro a lato). Area regolamenti comunali. Dopo la Vs attenta presa visione ed effettuato quanto richiesto, compilare l'allegata dichiarazione e inviarla OBBLIGATORIAMENTE insieme alla pratica.
  • E’ consigliabile sempre e prima di tutto rivolgersi al Tecnico Comunale (Martedì pomeriggio 15-17.30 e Sabato 9-12 al 2° piano del palazzo comunale - TEL. 0363/944527) per controllare se la destinazione uso del locale utilizzato per l’attività è compatibile con l’attività stessa e se è presente il certificato/dichiarazione/segnalazione di agibilità, con la destinazione uso richiesta per l’attività. Dovrà essere allegato sempre obbligatoriamente alla pratica il certificato/dichiarazione/segnalazione di agibilità con indicato la destinazione d'uso compatibile con l'attività stessa. Si ricorda che il certificato/dichiarazione/segnalazione deve riferirsi allo stato di fatto attuale dei locali.
  • La S.V. è vivamente pregata di controllare molto bene l’indirizzo e il n. civico del locale adibito all’attività. Qualora vi siano dei dubbi e/o il n. civico non fosse presente a lato dell’entrata del locale, siete pregati di recarVi all’Ufficio Anagrafe Comunale (lu- me – gio – ve - sa 9-12 e ma 15-17,30 al piano terra del Palazzo Comunale) che, inoltre, fornirà il n. civico da affiggere a cura del richiedente. Dovrà essere compilata e recapitata all’Ufficio Anagrafe la presente richiesta di attribuzione del n. civico. Ottenuto la risposta dall’ufficio Anagrafe, allegarla alla pratica SUAP.
  • Non si accetta la procura per la firma digitale del dichiarante, ma questo deve essere in possesso della propria firma digitale. Per ulteriori informazioni consultare l'allegato.
  • Per quanto possibile e al fine di garantire una perfetta conservazione dei file, trasmettere i file usando questi formati: PDF/A, JPEG E DWG.
  • E’ obbligatorio eleggere il DOMICILIO ELETTRONICO (PEC) per l’invio di tutta la corrispondenza da parte del SUAP. Quindi la S.V. è pregata di compilare la scheda anagrafica nella parte specifica o compilare la modulistica qui allegata in ogni sua parte e di tenere aggiornato il SUAP circa i cambiamenti degli indirizzi PEC comunicati. Si ricorda che tutte le notifiche inviate dal SUAP agli operatori interessati tramite la PEC segnalata come domicilio elettronico equivalgono a notifiche mediante Raccomandata con Ricevuta di Ritorno, con piena validità legale.
  • La procura (dove è il caso) è obbligatoria solo per la trasmissione telematica. Non si accetta la procura per la firma digitale. Per ulteriori informazioni consultare l'allegato.
  • Per le pratiche AUA (autorizzazione unica ambientale) utilizzare esclusivamente la piattaforma MUTA di Regione Lombardia.
  • leggere attentamente il documento unico per la standardizzazione delle procedure SUAP a cui il Comune di Ghisalba ha aderito (CCIAA di BG – registri albi e ruoli – suap – procedure suap standardizzate).
  • Nell’ invio della pratica tutti i documenti devono essere in file separati e ben leggibili.
  • Qualora la pratica debba essere inviata contemporaneamente al SUAP e alla CCIAA, la S.V. DEVE usare ESCLUSIVAMENTE il canale COMUNICA-STARWEB. Per gli altri casi la PEC del SUAP è la seguente suap@pec.comuneghisalba.it. Controllare sempre e comunque la propria posizione al Registro Imprese della CCIAA e fare attenzione se tutti i dati sono esatti. Per ulteriori informazioni consultare l'allegato.
  • Per tutte le pratiche SUAP bisogna allegare- ove è il caso - (oltre a quanto citato sopra e a quanto richiesto dalla normativa e nei procedimenti):
    • disponibilità locali (es. atto di proprietà o di affitto dei locali in oggetto, con relativa registrazione).
    • planimetria quotata di tutti i locali adibiti all'attività in scala non inferiore a 1:100 firmata dal proprietario o conduttore dei locali medesimi con l'estratto aerofotogrammetrico o l'esatta indicazione dei locali sul territorio. Le caratteristiche di questa planimetria sono meglio illustrate nell'allegato.
    • (in caso di persone extracomunitarie dichiaranti la scia/istanza o gli allegati) permesso di soggiorno in corso di validità.
    • (in caso di subingresso) atto di cessione con relativa registrazione o certificazione notarile.
    • comunicare sempre la data effettiva di inizio attività (se non espressamente richiesta nella modulistica: può essere comunicata subito – con una nota a parte allegata alla partica SUAP - o quando è il caso, sempre tramite PEC del Suap).
    • anche nel caso in cui non sia obbligatoria la presentazione della relazione illustrativa, allegare delle “note esplicative dell’attività” se vi è qualcosa di particolare o se non è molto chiara la SCIA/l'istanza/la comunicazione in fase di presentazione o nel caso in cui la S.V. debba comunicare qualcosa di importante/fondamentale al SUAP.
    • Solo per SETTORE ALIMENTARE: per tutto il settore alimentare, i requisiti professionali necessari devono essere citati nella pratica (SCIA di R.L./SCIA D.Lgs. 222/allegato specifico/altro se vi è l’istanza). Allegare inoltre tutta la documentazione atta alla verifica di detto requisito professionale.
    • La S.V. deve inoltre trasmettere al SUAP anche la notifica ai fini della registrazione (regolamento CE n. 852/2004) per la notifica sanitaria nel caso di inizio attività, nel caso di subingresso, modifica, cessazione e sospensione attività. Per ulteriori informazioni consultare l'allegato. Allegare alla pratica anche il versamento dei diritti per l’ATS
    • Qualora la pratica necessiti di una valutazione di previsione di impatto acustico: allegare la relazione completa di impatto acustico nelle forme previste dalla Delibera di G.R. n. 7/8313 del 8/3/2002 e dal D.P.R. 227/2011, ai sensi della L. 447/95 e della L.R. 13/2001. N.B. = Si diffida l'effettuazione di attività che possano superare i valori di emissione sonora previsti dalla zonizzazione acustica del territorio di Ghisalba. Nel caso in cui il locale abbia già un parere favorevole dell'ARPA per una medesima attività e nulla è cambiato rispetto a quanto citato nella previsione oggetto del medesimo parere favorevole, inviare una dichiarazione di aver preso conoscenza della previsione di impatto acustico e del relativo parere favorevole e di non apportare modifiche di nessun tipo e genere rispetto a quanto in oggetto. Qualora per detta attività si possa presentare l’autocertificazione di previsione di impatto acustico, chiedere all’ufficio SUAP (suapcorrado@comuneghisalba.it) lo stampato adeguato da completare e allegare alla pratica.
  • Si ricorda alla S.V. di recarsi al più presto all’UFFICIO TRIBUTI (lu – me – gio – ve 9 – 12.30, ma 15 – 17.30, sa 9-12 piano terra) per definire quanto dovuto riguardo la tassa rifiuti.
  • Copia della SCIA/autorizzazione/comunicazione, insieme a tutti gli allegati e con la ricevuta di presentazione della pratica, deve essere esposta nel luogo di svolgimento dell’attività a disposizione degli organi preposti al controllo. Il SUAP del Comune di Ghisalba, appena in possesso di tutti i documenti esatti ed espletato tutti i controlli necessari, rilascerà, a seconda del caso, l’autorizzazione o la presa atto.




Lo Sportello Unico SUE e SUAP
Sportello SUE

Come stabilito dal D.P.R. 380/2001 lo Sportello Unico per l'Edilizia rappresenta il punto di riferimento esclusivo di tutti i soggetti interessati alla realizzazione di interventi edilizi sul territorio comunale e quindi punto di collegamento e accordo tra privato e Amministrazione

Attività

1) Informazione

2) Acquisizione Pratiche Edilizie

3) Consultazione Pratiche Edilizie

4) Consultazione Normativa

5) Disposizione modulistica

Sportello SUAP

Lo Sportello Unico per le Attività Produttive, terziarie e commerciali (SUAP) è l'unico soggetto pubblico di riferimento territoriale per tutti i procedimenti che abbiano ad oggetto l'esercizio di attività produttive, di prestazioni di servizi e quelli relativi alle azioni di localizzazione, realizzazione, trasformazione, ristrutturazione o riconversione, ampliamento o trasferimento, non chè cessazione o riattivazione delle suddette attività ivi compresi anche quelli di cui al D.Lgs. 59/2010. (art. 2, comma 1, D.P.R. 160/2010)

Attività

1) Informazione

2) Acquisizione Pratiche Commerciali

3) Consultazione Pratiche Commerciali

4) Consultazione Normativa

5) Disposizione modulistica

Sportello SUE

Come stabilito dal D.P.R. 380/2001 lo Sportello Unico per l'Edilizia rappresenta il punto di riferimento esclusivo di tutti i soggetti interessati alla realizzazione di interventi edilizi sul territorio comunale e quindi punto di collegamento e accordo tra privato e Amministrazione

Attività

1) Informazione

2) Acquisizione Pratiche Edilizie

3) Consultazione Pratiche Edilizie

4) Consultazione Normativa

5) Disposizione modulistica

Sportello SUAP

Lo Sportello Unico per le Attività Produttive, terziarie e commerciali (SUAP) è l'unico soggetto pubblico di riferimento territoriale per tutti i procedimenti che abbiano ad oggetto l'esercizio di attività produttive, di prestazioni di servizi e quelli relativi alle azioni di localizzazione, realizzazione, trasformazione, ristrutturazione o riconversione, ampliamento o trasferimento, non chè cessazione o riattivazione delle suddette attività ivi compresi anche quelli di cui al D.Lgs. 59/2010. (art. 2, comma 1, D.P.R. 160/2010)

Attività

1) Informazione

2) Acquisizione Pratiche Commerciali

3) Consultazione Pratiche Commerciali

4) Consultazione Normativa

5) Disposizione modulistica